• Lun - Ven 9:00 - 18:00

LVStudio header

 
Blog di informazione sul mondo della comunicazione e del digital marketing, con un occhio attento al web...

LVStudio header Mobile

 

Blog di informazione sul mondo della comunicazione e del digital marketing, con un occhio attento al web...

Che cosa sono gli NFT (Non Fungible Token)

Cosa sono gli NTF e quali applicazioni hanno nel mondo dell’arte? Come si diventa un Crypto Artist? Come si acquista e vende un’opera di Crypto Art?

non fungible token nft cryptoarteGli NFT sono alla base dello sviluppo di una nuova economia digitale basata sulla Blockchain e i cosiddetti SMART CONTRACT ossia “contratti intelligenti” digitali, in cui è possibile connettere univocamente elementi digitali a prodotti digitali o fisici.

Ma cosa sono gli NFT?

Gli NFT, acronimo di “Non Fungible Token” è un tipo di token crittografico su Blockchain che rappresenta un asset unico digitale o reale, e stanno riscuotendo un improvviso quanto clamoroso successo.

Ciò che distingue gli NFT è proprio la loro non fungibilità, ossia la non intercambiabilità data da un codice unico non replicabile.

Nel caso di due beni fungibili uguali si può dire che non c’è differenza tra i due, dato che possono essere riprodotti e scambiati senza garanzia di autenticità.

Al contrario, un’opera digitale in NFT, grazie alla blockchain, è digitalmente firmata dall’artista che l’ha realizzata, cosa che la rende diversa dalle altre apparentemente uguali in circolazione, così come un quadro autentico e firmato è diverso da una sua copia.

Quali sono le applicazioni degli NFT nel mondo dell’arte? 

Permettono di dimostrare e certificare l’autenticità e quindi la proprietà intellettuale dell’opera in quanto, a prescindere dal trasferimento della proprietà, la sua attribuzione sarà sempre riconducibile all’autore.

Quindi, nel caso di una GIF, un video o un’immagine digitale venduti per centinaia di migliaia di dollari, la blockchain può servire ad accertare e conservare le informazioni grazie alle quali si possono dire due cose: che quell’opera è “l’originale” e che è possibile dimostrare la sua paternità e proprietà. 

Creando un timbro di proprietà permanente e pubblicamente trasparente, NFT e Blockchain presentano quella che gli esperti chiamano la più grande innovazione tecnologica dai tempi dell’iPhone. 

Se inizialmente si pensava fossero risorse destinate a nerd ed esperti del settore, secondo Duncan Cock Foster, co-fondatore della piattaforma NFT Nifty Gateway, l’evoluzione del mercato dell’arte digitale seguirà un percorso parallelo a quello del Bitcoin “Vedrai le istituzioni artistiche raccogliere NFT man mano che le persone acquisiscono maggiore familiarità con il concetto”. 

Oggi sempre più persone sono disposte a pagare centinaia, persino milioni, di dollari per possedere opere d’arte digitali uniche. 

Basti pensare ai record registrati dall’artista Beeple prima sulla piattaforma SuperRare e poi con Christie’s o alle vendite da milioni di dollari di artisti come Ben Mauro, Pak, Kenny Schachter e del duo italiano Hackatao, tra gli altri.

La tecnologia Blockchain e l’applicazione e l’utilizzo degli NFT stanno producendo una vera e propria rivoluzione nel mondo dell’arte, che porterà a un nuovo modo di concepire il sistema e il mercato rispetto a come lo conosciamo oggi.

Tra gli strumenti a supporto di Artisti, Collezionisti e Professionisti che sfrutta le potenzialità della Blockchain per tracciare e garantire l’autenticità dell’arte digitale troviamo Art Rights, piattaforma per la gestione e certificazione delle opere d’arte.

disaster girl
Il caso Disaster Girl


Il primo piano di una bambina che sorride furbescamente alla macchina fotografica
mentre sullo sfondo i pompieri cercano di domare una casa in fiamme: è il meme di Disaster Girl, ed è difficile che siate riusciti a evitarlo in questi anni trascorsi su internet.

La bambina in questione si chiama Zoe Roth, e aveva solo quattro anni quando nel 2005 suo padre la immortalò in quella foto iconica, che avrebbe vinto un concorso fotografico per poi venir fagocitata dal multiforme ingegno del web quando si tratta di produrre meme, rispuntando a ogni occasione propizia in una nuova veste.

Beh, la notizia di oggi è che Zoe è riuscita a ricavarci qualcosa, vendendo la foto come NFT e guadagnandoci ben mezzo milione di dollari. Come abbiamo detto, la sigla sta per Non-Fungible-Token, sistema che permette la compravendita di oggetti digitali unici in modo da mantenere tracciato tramite la blockchain il reale possessore dell'immagine originale; se sul web ci sono migliaia di foto con Disaster Girl, solo una, l'NFT, potrà considerarsi l'originale.

Dunque ci sono voluti 15 anni, ma la rete è finalmente diventata un posto maturo dove poter raccogliere la messe, anche grazie al successo delle criptovalute.

La foto è stata venduta all'asta organizzata sulla piattaforma Foundation a un utente di nome @3FMusic, uno studio musicale con sede a Dubai, per 180 Ethereum, ovvero la seconda criptovaluta più nota dopo i Bitcoin, il cui valore proprio oggi ha superato quota 3.000 dollari. Al momento della vendita, il valore era di circa 475.000 dollari, ma con il recente rialzo si parla ad oggi di oltre 570.000 dollari.

Intervistata dal New York Times, Roth ha affermato che userà parte del ricavato per pagare i suoi prestiti studenteschi e il resto verrà devoluto in beneficenza; la ragazza ha mantenuto la proprietà del copyright dell'immagine che le frutterà il 10% di una qualsiasi vendita futura dell'NFT in questione.

Abbiamo 75 visitatori online

Arts & Design

Arts Blog
Un weblog dove trovare informazioni e curiosità legate all’universo dell’arte.
Designer Blog
Informazioni aggiornate, con la semplicità e la freschezza che solo una piattaforma blog può garantire.

Grafica e Comunicazione

AIAP
Sito ufficiale dell'Associazione italiana progettazione della comunicazione visiva.
Draft
Il Sito italiano per l'orientamento alla Grafica Pubblicitaria.